La Conca dell’Aviolo

Sono appena tornata da cinque intensissimi giorni al Lucca Comics and Games con alcuni amici. Voi direte, ma che c’entra con la montagna? Niente, infatti, se non fosse per il fatto che il contapassi ha tenuto una media di 15 km percorsi al giorno con un picco di 20 km nell’ultima giornata. Non ho ricordo di gite in montagna che mi impegnassero per 15 kilometri al giorno ma, beh, c’è sempre una prima volta. Denominatore comune tra Lucca e la montagna? Zaino in spalla, passi lunghi e ben distesi.

(Qui sotto una mia fotografia in abiti da Indiana Jones, il mio avventuriero per eccellenza!)

Torniamo alle cose serie. Camminare così tanto in questi giorni, in una città trasformata in una sorta di mondo fantasy parallelo al nostro, mi ha fatta tornare bambina e i ricordi sulle grandi camminate in famiglia sono riapparsi come tanti pezzi di un puzzle. Li ho messi tutti insieme, li ho uniti e incastrati e ne è uscito il Rifugio Aviolo.

Il rifugio Sandro Occhi all’Aviolo è uno dei ricordi d’infanzia più vivi che ho nella mia memoria: mi ricordo di grandi arrampicate su sassi enormi (sicuramente erano normalissimi gradini naturali), esplorazioni nella natura aspra e selvaggia (laghetti pieni di girini terrorizzati dalla nostra presenza e canneti che oscuravano le nostre malefatte) e poi il rifugio! Stanze enormi tutte di legno, la gente sempre felice che rideva, grandi cene e grandi balli e poi tutti a dormire nello stanzone comune, magari con la pioggia sul tetto. Mi sembra di esserci stata ieri, invece sono passati tanti anni (non vi dico quanti, maleducati!).

rifugio-aviolo
Il Rifugio Sandro Occhio nella Valle Aviolo – Via http://www.rifugioaviolo.it

Ho scavato a fondo nella mia memoria ma tranne il punto d’inizio e di fine non ho molti ricordi sul percorso preciso. Spulciando qua e là però mi sono accorta che questo meraviglioso rifugio ha una cosa che in tanti non hanno: un sito web pazzesco! Nella pagina accessi, a questo link, vi verranno spiegati in modo molto semplice e chiaro le due principali vie d’accesso al rifugio e sarà inoltre possibile scaricare la cartina e il PDF della descrizione completa del percorso.

Ma non fermatevi lì! Dal rifugio partono tantissime belle gite da fare in giornata per ogni tipo di appassionato della montagna, dalla famiglia che preferisce un nuovo panorama per un pic-nic, all’escursionista in cerca di qualche bella cresta avventurosa.

Inutile dire che l’Aviolo offre uno scenario naturale da capogiro: la vallata, protetta come Riserva Naturale e come SIC (Sito d’Importanza Comunitaria Europea), ha la fortuna di concentrare molte delle straordinarie attrattive paesaggistiche e naturalistiche di media-alta quota dell’intero Parco dell’Adamello. Insomma, un prezioso sunto della maestosità delle montagne camune che rendono la valle Aviolo un tappa fondamentale per il bravo escursionista.

valle-aviolo
Lo splendido paesaggio della Conca Aviolo – Via http://www.rifugioaviolo.it

Raccomandazione: prima di mettervi in viaggio controllate sempre le date di apertura e chiusura del rifugio. Alle volte, in situazioni di pericolo, insicurezza, stanchezza e quant’altro è fondamentale sapere di poter avere un punto d’appoggio. Oltre al sito internet, meravigliosamente curato e al quale vi rimando ancora a questo link, consultate la pagina ufficiale dei rifugi di Lombardia.

Buona camminata!

Credits fotografici: http://www.rifugioaviolo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...