Zona Alpi – La Malga in Città: una chiacchierata con Marzia e Bruno

Vi è mai capitato di girovagare per la città, troppo presi da tutte le attività frenetiche della vostra vita quotidiana per accorgervi di quello che vi sta intorno? Purtroppo anche ad una lumaca come me è capitato e purtroppo ci si perde sempre il meglio: uno scorcio particolare, un giardino nascosto, un tramonto rosso fuoco sul duomo, un negozio di formaggi di malga in centro.

Aspetta un attimo, un negozio di formaggi di malga in centro a Brescia?

Ebbene sì, oggi la nostra bella Brescia offre anche questo. Lo ammetto, la curiosità è stata talmente tanta che ho scritto a Bruno e Marzia, i gestori di Zona Alpi – La Malga in Città, per una piccola intervista. E questo è quello che ne è uscito!

Ciao Bruno, ciao Marzia. Iniziamo con qualche domanda facile: presentatevi! Chi siete, da dove venite, la storia che vi ha portati fino a qui. Come vi è venuta l’idea di aprire un negozio? Qual è stato il momento in cui avete detto “dai, facciamolo”?
Siamo Marzia e Bruno, abbiamo rispettivamente 30 e 38 anni e siamo compagni di vita dal 2008. Proveniamo dalla pianura di Montichiari (Marzia la “ bassaiola”) e da Villa Carcina in Val Trompia (Bruno “il valligiano”).

Marzia e Bruno, gestori di Zona Alpi
Marzia e Bruno, gestori di Zona Alpi

Nel 2012 nasce quella che oggi è per noi la prima passione: selezionare i formaggi del nostro territorio per far riscoprire l’autenticità dei sapori veri. Tutto ha avuto inizio con l’acquisto di tre capre di razza Bionda dell’Adamello da utilizzare come  tosaerba al fine di combattere l’avanzata del bosco e delle sterpaglie presso i nostri terreni di proprietà in quel di Brione, sopra Gussago.
All’inizio, data la totale ignoranza in materia zootecnica, non abbiamo messo in conto che le capre acquistate potessero – in primavera – produrre latte. Tale evento che ha implicato a sua volta la necessità di inventarsi mungitori, fa scattare in noi qualcosa che ancora oggi risulta difficile da definire, ma che piano piano è diventato il nostro tarlo: far conoscere a chi ne fosse veramente interessato l’allevamento familiare e la produzione artigianale di formaggio.

Caprette
Caprette

Il profumo del latte e del fieno, profumo a Noi figli del cemento e del consumismo ( Marzia nata nel 1986 e Bruno nato nel 1978) del tutto sconosciuto, ci ha inebriato, stordito, letteralmente “stesi al tappeto”: da troppo tempo non sentivamo simili emozioni. L’anno zero di ZONA ALPI era orma iniziato senza che noi ce ne rendessimo effettivamente conto. Senza saperlo, da lì non saremmo più tornati indietro.
Inizialmente, come dei turisti abbiamo cominciato a girovagare in lungo e in largo la provincia di Brescia e non solo, alla ricerca delle migliori e più caratteristiche produzioni casearie. Tutto questo peregrinare non ha fatto altro che alimentare in Noi l’idea di poter provare a fare qualcosa di veramente concreto nell’ambito dei formaggi. Sono stati questi gli anni della curiosità e dell’approfondimento di tutto ciò che avesse per oggetto l’allevamento familiare e la produzione artigianale di formaggio.

Altre caprette
Altre caprette

E cosi facendo il 2012 e il 2013 se ne vanno tra giri in malga e letture specializzate sulla produzione del formaggio, sull’allevamento caprino e “balle varie”.
Arriva l’anno 2014! Nel corso di questo anno, all’interno di quella che ancora era un’idea strampalata (nessun progetto concreto, nessun businness plan), mentre stavamo cercando di capire come e chi consuma formaggio nel mercato italiano e straniero, ci imbattiamo in un articolo dove si parla di una famosissima Fromagerie di Parigi dedicata esclusivamente alle produzioni casearie di nicchia che come una bomboniera tratta “IL FORMAGGIO con la F MAIUSCOLA” come se fosse un gioiello.
Ecco che, magicamente, il sogno diventa un primo progetto embrionale: in Italia non mancano le eccellenze casearie; nel territorio bresciano esistono produzioni di grande rilievo; allora perché non coniugarle insieme all’eleganza e allo stile rigoroso delle Fromagerie francesi?
Su queste premesse nasce ZONA ALPI – La Malga in Città , ovverosia un luogo dove chi è veramente interessato può assaggiare IL FORMAGGIO (e non UN FORMAGGIO), può ascoltare la storia della sua produzione, può condividere con Noi due parole sul luogo di produzione, sui produttori stessi, su eventuali aneddoti storici. Dunque, un luogo dove coltivare cultura casearia.

Da quanto avete aperto? State avendo buoni riscontri?
Zona Alpi – La Malga in Città apre al pubblico bresciano i propri battenti il 26 settembre 2015. In questo primo anno abbiamo lavorato soprattutto sulla costruzione della nostra clientela che, per il prodotto proposto, si colloca in un target di riferimento medio-alto, sia in termini di capacità di spesa, di reddito, di istruzione. Siamo consapevoli che la strada è lunga e difficoltosa ma i dati attuali sono confortanti.

Formaggio Fatulì
Formaggio Fatulì

Il dato più importante è che siamo ancora aperti e dunque il progetto è di per sé sostenibile. Certo non ci stiamo arricchendo, sia chiaro. Siamo come un neonato: gattoniamo e non corriamo. La forza, la costanza e l’impegno non ci mancano!
Per valutare l’operato profuso ci siamo dati tre anni. In quell’occasione tireremo un primo bilancio serio. Ad ogni modo l’intero ricavato del primo anno è stato reinvestito con l’acquisto di un piccolo furgone.
Da settembre 2016 abbiamo dedicato i fine settimana alle fiere con l’intento di far conoscere, anche oltre provincia, i prodotti caseari bresciani. Abbiamo partecipato con buoni risultati a MADE IN MALGA 2016 (Asiago), DELIZIE IN VILLA ARCONATI (Arese MI), TUTTONATURA LEGNANO 2016; FESTA DEL MARRONE DOP di San Zeno di Montagna (Verona), TEMPO DI NATALE AL CASTELLO DI THIENE (Vicenza). Saremo poi a Chiari l’11 dicembre e ai mercatini di Natale di Lazise il 17 e 18 di Dicembre. Giovedì 8 dicembre nell’ambito di Artestrasse 2016 che si svolge tradizionalmente da molti anni in Via Cattaneo dove abbiamo il negozio, saremo aperti e nell’occasione avremo un piccolo corner all’esterno dove serviremo vin brulè. Sei invitata a venire a trovarci!

Nostrano Valtrompia DOP
Nostrano Valtrompia DOP

Grazie per l’invito ragazzi, non mancherò di certo. Come mai il centro di Brescia? È stata la vostra prima scelta o una scelta obbligata?
La scelta di aprire in centro storico è stata dettata dal target di riferimento a cui noi puntiamo. Aprire un simile negozio in periferia o in provincia avrebbe significato non essere compresi.
La città, inoltre, ci da la possibilità di contestualizzare al meglio la nostra idea: far conoscere a chi ne sia veramente interessato l’allevamento familiare e la produzione artigianale di formaggio.
Infatti il cittadino ha perso – più che l’abitante in provincia – la possibilità di gustare i sapori di una volta. La Malga in Città vuole infatti far fronte a questa esigenza, vuole rispondere al bisogno di natura e alla “pulsione green” che proviene dai grossi agglomerati urbani soffocati dal cemento e dalla frenesia.

Interno del negozio, situato in via C. Cattaneo 5/A a Brescia
Interno del negozio, situato in via C. Cattaneo 5/A a Brescia
Interno del negozio situato in via C. Cattaneo 5/A a Brescia
Interno del negozio situato in via C. Cattaneo 5/A a Brescia

Raccontateci quali sono i vostri prodotti e quali i vostri servizi
I nostri prodotti sono rappresentati principalmente da formaggi a latte crudo realizzati artigianalmente da piccole aziende agricole a gestione familiare, per lo più operanti in montagna e praticanti l’alpeggio estivo.
Abbiamo cercato di dare il giusto spazio al territorio bresciano senza però dimenticare le altre eccellenze italiane che una formaggeria specializzata non può di certo non considerare. Per esempio il Castelmagno DOP d’Alpeggio, la Fontina DOP d’Alpeggio e il Gorgonzola DOP.

Abbiamo poi pensato che fosse indispensabile trattare i principali tipi di latte (latte di vacca, capra e pecora).

Nel dettaglio è possibile trovare il Fatulì della Val Saviore i caprini dell’Azd. Agr. Le Frise di Artogne, ma anche i caprini dell’Azienda Agricola La Bettina di Caino e quelli di Valpersanne della Valle di Mompiano. Abbiamo poi il Nostrano Valtrompia Dop invernale di Cascina Fulù e quello estivo di Malga Mesorzo. Non dimentichiamo poi il Bagoss estivo presidio Slow Food di Malgà Dolo Giugno 2015.
Per gli amanti del formaggio fresco a pasta molle proponiamo le tre robiole di Stefano Freddi di Casto e precisamente la robiola di vacca, la robiola di capra e la robiola a latte misto di vacca e capra.
Non voglio però svelare tutto. Per il resto ci trovate in Via Cattaneo 5/a ovvero on line http://www.zonalpi.it
Per quanto riguarda i servizi offerti, oltre a fare del catering per piccoli eventi dove prepariamo la zona formaggio o “isola dei formaggi”, abbiamo pensato alla cheese-box ossia un package originale e stiloso con il quale è possibile portare variegati mignon di formaggio da degustare con amici durante l’aperitivo.

Esterno del negozio
Esterno del negozio

Il vostro formaggio preferito?
In verità sono due: il primo è il Fatulì della Val Saviore a cui siamo legati quasi sentimentalmente per via della Capra Bionda dell’Adamello, nostra musa ispiratrice in questa pazza avventura; l’altro è il Nostrano Valtrompia DOP che con i suoi 4 produttori e le 800 forme prodotte nel 2015 incarna alla perfezione il concetto di allevamento familiare e produzione artigianale di formaggio.

Grazie mille per il vostro tempo e ancora complimenti! Lascio a voi la conclusione di questa intervista:
Concludiamo con un ulteriore sogno messo in cantiere e non nel cassetto!
E’ nostro intento, fra qualche anno, laddove sarà possibile e compatibilmente allo sviluppo del negozio, realizzare presso i terreni di proprietà un piccolo allevamento di capre e una cantina di stagionatura.
Questo permetterà di avere una linea di produzione di formaggi caprini sui quali puntare nonché lo sviluppo di una fattoria didattica dedita alla divulgazione dell’arte casearia.
Chi lo sa dove arriveremo? Questa è la strada che abbiamo deciso di percorrere. Chi ci vuole seguire può venire a conoscerci in negozio ovvero cliccando mi piace sulla pagina Facebook di Zona Alpi. Olé!

Per contattare questi meravigliosi personaggi che ci portano un pochino di montagna in città potete usare la loro pagina Facebook, il loro sito internet www.zonalpi.it oppure andarli a trovare direttamente in negozio in via C. Cattaneo 5/A nel centro di Brescia. Prossimi appuntamenti dove poterli conoscere: a Chiari l’11 dicembre e ai mercatini di Natale di Lazise il 17 e 18 di Dicembre. Giovedì 8 dicembre nell’ambito di Artestrasse 2016 che si svolge tradizionalmente da molti anni in Via Cattaneo  il negozio sarà aperto e nell’occasione avremo un piccolo corner all’esterno dove serviremo vin brulè!

Non mancate!

3 pensieri su “Zona Alpi – La Malga in Città: una chiacchierata con Marzia e Bruno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...